special wines

 

La linea “Speciali” di Stocco è nata nel 1999 come una sfida, per dimostrare che anche i vini di pianura possono essere grandi vini, e oggi rappresenta il meglio della nostra produzione.

Il progetto di questa linea nacque nel 1999 da un grande pensiero, quello di trasformare il vino in un messaggio. Volevamo dimostrare che anche la pianura può dare vita a vini di carattere, strutturati e adatti all’invecchiamento.

“Speciali” ci è da subito sembrato il nome più adatto non solo per la diversa vinificazione dei vini, il cui affinamento avviene in botti di legno, ma anche perché sapevamo che erano destinati ad occupare un posto speciale nel nostro cuore di viticoltori. E così è stato.

La prima etichetta uscì nel 2000 con Roos dai Lens, il nostro Merlot che riposa oltre 13 mesi in barrique di rovere francese. Il risultato fu incoraggiante e ci fece capire che eravamo sulla strada giusta, e oggi questo rappresenta il nostro vessillo fra i vini rossi. In lui le caratteristiche tipiche del vitigno quali il profumo di frutti rossi, si fondono a note speziate e balsamiche.

L’anno successivo toccò al nostro Picolit Passito Lusint, chiamato così per via della intensa luminosità che lo contraddistingue. Ottenuto da una selezione di uve sottoposte ad appassimento, è un vino di grande concentrazione e personalità, che si manifestano nei profumi di miele, caramello e frutta candita.

Passarono 10 anni prima che nella famiglia degli “Speciali” giungesse un nuovo membro. Era il 2011 quando la voglia di sperimentare di Andrea Stocco diede vita a Sericus, un vino che racchiude in sé la storia del territorio di cui è espressione. Cuvée di Friulano, Chardonnay e Malvasia Istriana, quest’ultima affinata in tonneau di acacia, varietà da sempre coltivate in quel cuore del Friuli dove per secoli si allevò il baco da seta, esprime sentori complessi d'albicocca e mandorla, note balsamiche e spezie.

Nel 2015 fu la volta di Botis, selezione delle migliori uve di Ribolla Gialla a maturazione tardiva. Vitigno versatile e trasformista (lo vinifichiamo anche in acciaio e con metodo Charmat lungo), nella versione in botte grande (di rovere a grana fine) mostra il suo lato più profondo: le sue note elegantemente speziate e floreali ricordano i fiori d’acacia e di prato, che si fondono ai sentori di burro e vaniglia.

Doghis rappresenta la nostra ultima sfida: ottenuto dalle migliori uve di Friulano, questo vino gode di un affinamento di 10 mesi in botte grande di rovere che gli conferisce grande morbidezza e persistenza. Note di timo, camomilla e mandorla si fondono a sentori speziati e di frutta secca, in un bouquet ampio ed elegante.

 

Vi aspettiamo al Vinitaly nel Padiglione 6 - Stand D7 "Torre Elisa" per assaggiarli tutti!

 

 


Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy oppure clikka su OK - Chiudi